settembre 17, 2021

Il Gruppo Renault apre le trattative per radicare le sue attività creatrici di valore in Francia

  • Oggi si sono aperte le trattative tra le organizzazioni sindacali rappresentative e la Direzione per concludere un accordo sociale triennale (2022-2024) inteso a preparare il futuro del Gruppo in Francia[1].
  • Il Gruppo Renault riafferma la sua volontà di posizionare la Francia al centro delle sue attività industriali e di R&S, localizzando sul territorio francese le tecnologie creatrici di valore del futuro.
  • Il Gruppo Renault intende produrre 9 nuovi veicoli in Francia entro il 2025.
  • Il progetto prevede un totale di 2.500 assunzioni, con la creazione netta di 500 posti di lavoro e 10.000 corsi di formazioni e riqualificazione in tutte le attività.
  • Questo accordo permetterà di sostenere la trasformazione del Gruppo Renault per rispondere alle sfide delle nuove mobilità, imporsi come leader della transizione energetica e digitale sul territorio nazionale e, più in generale, in Europa.
  • Le modalità del progetto saranno discusse tra le parti sociali nel corso di varie sessioni di trattativa nelle prossime settimane.

Footnotes

  1. ^ [1] Etablissements Renault S.A.S., Meyzieu, Maubeuge Construction Automobile (MCA), Alpine Cars, Société des Automobiles Alpine, Sofrastock International, Société de Véhicules Automobiles de Batilly (SOVAB), Société de Transmissions Automatiques (STA), SODICAM2, Renault Digital, Renault Software Labs

Boulogne-Billancourt, 16 settembre 2021 - La Direzione del Gruppo Renault e le organizzazioni sindacali rappresentative hanno aperto, in data odierna, le trattative per concludere un accordo sociale triennale per la Francia per il periodo 2022-2024. Questo accordo andrebbe nel senso degli obiettivi ambiziosi del piano strategico Renaulution e posizionerebbe la Francia al centro delle attività industriali, tecnologiche e di R&S per consolidare il ruolo del Gruppo Renault come pilastro dell’ecosistema automobilistico francese.  

Un progetto industriale ambizioso con creazione di posti di lavoro negli stabilimenti

Il progetto si prefigge, in particolare, lo scopo di porre la Francia al centro della produzione dei veicoli elettrici per il Gruppo Renault, aumentando la sua attività industriale in questo settore e designando il territorio francese come il centro di produzione dei motori elettrici: con riserva di un accordo, il Gruppo prevede di affidare agli stabilimenti francesi la produzione di 9 nuovi veicoli, che saranno per la maggior parte al 100% elettrici. Il piano prevede, in particolare, di affidare al centro ElectriCity: Mégane E-TECH Electric, la futura Renault 5 elettrica, la versione elettrica di Nuovo Kangoo, un progetto di SUV elettrico e un altro futuro veicolo. Nello stabilimento di Dieppe si concentrerebbe la produzione di un nuovo veicolo Alpine mentre allo stabilimento di Sandouville andrebbe quella di Nuovo Trafic Electric. Infine, nello stabilimento di Batilly si produrrebbe il sostituto di Master e un veicolo per un partner.

Anche il futuro motore elettrico da 100 kW e tutta la sua catena del valore sarebbero allocati allo stabilimento di Cléon. Questi progetti, che completano quelli già annunciati di Re-Factory a Flins ed ElectriCity nel nord della Francia, contribuirebbero a posizionare Renault come leader della transizione energetica in Francia e delle nuove forme di mobilità in Europa.  

Per concludere con successo questo ambizioso piano industriale e consentire la realizzazione di tutti questi progetti, sono previste 2.000 assunzioni negli stabilimenti francesi del Gruppo. Il Gruppo Renault ha intenzione di organizzare anche oltre 5.000 percorsi di formazione e riqualificazione per sviluppare le competenze dei dipendenti degli stabilimenti preparandoli alla nuova catena del valore dell’industria automotive.

Adattamento dell’ingegneria al servizio della performance del Gruppo

Il piano strategico Renaulution posiziona, inoltre, la Francia al centro delle future tecnologie destinate a raccogliere le sfide dell’elettrificazione, dell’idrogeno e del digitale. Le soluzioni di connettività, intelligenza artificiale, batterie elettriche ed idrogeno sarebbero pensate e progettate in Francia. Nei siti di ingegneria in Francia si concentrerebbero tutte le competenze per progettare i veicoli connessi ed autonomi nonché i servizi di mobilità del futuro. Le attività chiave connesse allo sviluppo dei progetti dei veicoli sarebbero così “Made in France”.

Per posizionare la sua ingegneria ai massimi livelli dell’industria automotive, il Gruppo deve continuare ad adattare la forza lavoro, il ché implica 1.600 potenziali esuberi. Il progetto procederebbe contemporaneamente all’assunzione di 400 profili nelle nuove competenze chiave, come le scienze dei dati e la chimica delle batterie, e sono previsti 3.000 corsi di formazione e riqualificazione, fondamentali per la svolta verso le nuove mobilità.

Funzioni di supporto trasformate per la creazione di valore

In linea con le azioni intraprese dal Gruppo per contenere i costi, è stato presentato anche un progetto di rifocalizzazione delle funzioni di supporto che, in Francia, potrebbe portare a 400 esuberi. Si tratta di modernizzare, digitalizzare e rifocalizzare queste funzioni su attività che creano valore in conformità con gli obiettivi strategici del Gruppo. Per accelerare la trasformazione delle funzioni di supporto sono stati previsti 2.000 corsi di formazione e riqualificazione e l’assunzione di 100 competenze chiave.

Con questi progetti strutturanti, il Gruppo Renault sceglie la Francia come centro strategico ed industriale delle sue attività proiettate verso il futuro, permettendo così di rafforzare il Gruppo nel Paese in cui affonda le sue radici e di contribuire alla sua trasformazione. Inoltre, questo accordo permetterà anche di portare tutta la filiera francese verso la nuova catena del valore dell’industria automotive.

[1] Renault S.A.S. Establishments, Meyzieu, Maubeuge Construction Automobile (MCA), Alpine Cars, Société des Automobiles Alpine, Sofrastock International, Société de Véhicules Automobiles de Batilly (SOVAB), Société de Transmissions Automatiques (STA), SODICAM2, Renault Digital, Renault Software Labs

Il Gruppo Renault è all’avanguardia di una mobilità che si reinventa. Forte dell’Alleanza con Nissan e Mitsubishi Motors e della sua esperienza unica a livello di elettrificazione, il Gruppo Renault fa leva sulla complementarità delle sue 5 Marche (Renault – Dacia – LADA- Alpine e Mobilize), proponendo soluzioni di mobilità sostenibili ed innovative ai suoi clienti. Presente in oltre 130 Paesi, il Gruppo ha venduto 2,9 milioni di veicoli nel 2020. Riunisce oltre 170.000 collaboratori che incarnano nella vita quotidiana la sua “ragion d’essere”, affinché la mobilità ci avvicini gli uni agli altri. Pronto a raccogliere le sfide su strada, ma anche nelle competizioni, il Gruppo si è impegnato in una trasformazione ambiziosa e generatrice di valore. Questa è incentrata sullo sviluppo di tecnologie e servizi inediti, su una nuova gamma di veicoli ancora più competitiva, equilibrata ed elettrificata. In linea con le sfide ambientali, il Gruppo Renault si prefigge lo scopo ambizioso di raggiungere l’obiettivo zero emissioni in Europa entro il 2040.  

https://www.renaultgroup.com/

Adoption of Wiztopic’s Blockchain Certification Platform

Al fine di salvaguardare la sua comunicazione, il Renault Group certifica i suoi contenuti con Wiztrust dal 20 febbraio 2020. Puoi verificare l'autenticità delle nostre informazioni sul sito web www.wiztrust.com.

Contatto Stampa

FRitrova qui le foto e gli album video corrispondenti alle nostre ultime attualità

Documento

News alert
ISCRIVITI ALLE NEWS ALERT PER RIMANERE AGGIORNATO
pagebuilder.components.cta.text